martedì 5 giugno 2012

UN ANNO FA...

camera ardente per Enzo Del Re: bandiera anarchica,
bandiera di Mola di Bari e sulla parete il documentario 
Soltanto un anno fa. Sembra tantissimo tempo. Non ho voglia di dir nulla. Soltanto che troppo poco si è fatto. E una personale promessa di cui so d'esser capace: quella di non mollare!

Bari, 6 giugno 2012

lunedì 16 aprile 2012

DOMENICA 22 APRILE 2012 A VITERBO


ALLO SPAZIO ARCI BIANCOVOLTA DI VITERBO IN VIA DELLE PIAGGE 23 ALLE ORE 21,00 SEGUITO DA INTERVENTI DEL TRIO MALÌA (LAURA ANTONINI, ANTONIO TONIETTI, RONÉ) CON MUSICHE DI ENZO DEL RE - SEGUE RECITAL SU ENZO DI ANGELO TANZI, UN ATTORE DI ORIGINI MOLESI COME ENZO DEL RE - ORGANIZZATO DA ARCI VITERBO E ANPI VITERBO - INGRESSO LIBERO CON CONTRIBUTO VOLONTARIO PER IL DOCUMENTARIO


ENZO DEL RE: O DEL LAVORARE CON LENTEZZA
E' stato il più irriverente cantastorie della scena antagonista degli anni 70, caduto nel dimenticatoio negli anni successivi e riscoperto solo in tempi recenti, complice anche il film di Guido Chiesa del 2004 che dalla sua canzone più nota, Lavorare con lentezza, prende il titolo.
Muove i primi passi, musicalmente parlando, nella Firenze degli Angeli del Fango dove conosce Antonio Infantino , cui lo legherà una collaborazione che porterà entrambi a lavorare con la compagnia Nuova Scena di Dario Fo. Successivamente Del Re entra a far parte del circuito costruito da Pino Masi e Sergio Martin dei Circoli Ottobre.
Sono di questo periodo le sue performance più radicali, esacerbate dalla scelta di accompagnarsi solo percutendo strumenti comuni ma dalla forte valenza simbolica (sedie, valigie).
La sua coerenza lo porta a chiedere come cachet l'equivalente del salario giornaliero di un metalmeccanico e di conseguenza a suonare anche per otto ore di seguito ("fino a che anche l'ultimo spettatore non se ne andava" come riferisce orgoglioso).
Successivamente si ritira nella nativa Mola, dove continua ad incidere cassette che lui stesso vende producendo anche opere monumentali come La leggenda della nascita di Mola (un cofanetto di quattro cassette per la durata complessiva di circa cinque ore).
Nel 2006 i Tetes de Bois lo vogliono al loro fianco per cantare "Lavorare con lentezza" in una tappa del loro tour "Avanti Pop".
Il 2010 è un anno d'oro per Del Re: il Il primo maggio 2010 suona a Roma, per il tradizionale concerto in Piazza San Giovanni, insieme a Vinicio Capossela; il 13 novembre 2010 viene invitato al Teatro Ariston di Sanremo al Premio Tenco.
Sempre del 2010 è il documentario di Angelo Amoroso d'Aragona "Io e la mia sedia", che contiene anche il videoclip del brano Povera gente.
Muore il 6 giugno 2011, portato via da un'insufficenza renale che curava da solo con una dieta a base di polpo o "octopus", come diceva lui.
Il giorno seguente un ragazzo dell'Arci porterà al funerale una sedia, servita ad Enzo per l'ultimo concerto, tenendola alta sul capo a mo' di bandiera. Una grandinata si abbatterà sugli amici che seguono il feretro e su quella sedia: ci piace pensare che sia stato Enzo che si è fatto un'ultima suonata.
Antonio Tonietti

venerdì 10 febbraio 2012

SEMPRE PIÙ IN ALTO L'AQUILA... #047 / #050

Dopo la proiezione al Nuovo Cinema Aquila di Roma altre quote di CROWDFUNDING sono pervenute su Pay Pal:
  • Mariangela Barbanente con 30 euro;
  • Paolo Feligioni con 20 euro;
  • Giuliana La Volpe con 20 euro.

Alla proiezione di Giovedì 9 un'altra quota:
  • Gianluca De Falco con 15 euro per una maglietta.

Grazie a tutti di cuore. Abbiamo raggiunto € 1659,69!

mercoledì 8 febbraio 2012

L'AQUILA DEL CROWDFUNDING... #042 / #46

Volava alto l'Aquila del crowdfunding... tanta era la neve e il ghiaccio ancora sui marciapiedi! Nonostante queste difficoltà i due giorni di proiezioni al Nuovo Cinema Aquila di Roma sono stati una "botta di entusiasmo e consensi". Il pubblico, poco, venuto a vederlo mi ha regalato meravigliosi sorrisi e strette di mano. Grande anche l'entusiasmo di Massimo Vattani che ogni volta nel presentare il documentario mi metteva in imbarazzo per i suoi complimenti. Il pubblico era davvero poco ma tutto partecipe ed ho raccolto anche in questo caso alcune quote di crowdfunding:
Jacopo Giurato con 15 euro;
Tatiana Lepore con 20 euro;
Giorgia Oliva con 5 euro;
Daniele Tamborrino con 30 euro;
Valentina Miglio con 15 euro.

domenica 5 febbraio 2012

CROWDFUNDING #041

Anche oggi un altro contributo di sostengo da Giuseppe Di Santo con 20 euro. Grazie!

sabato 4 febbraio 2012

MAGNIFICO... SCREEN

Oggi su SCREENWEEK la recensione di Filippo Magnifico: « Pochi conoscono Enzo Del Re e la sua musica, anche se, come spesso accade, il titolo di una sua canzone è stato e continua ad essere sulla bocca di tutti. Il motivo è semplicissimo e risale al 2004, anno in cui il regista Guido Chiesa ha girato Lavorare con lentezza, un nome che richiama un brano che negli anni ’70 è stato scelto come sigla d’apertura e chiusura della bolognese Radio Alice.

A pochissimo tempo dalla sua morte ecco che arriva un documentario, intitolato Io e la mia sedia (riferimento ad un oggetto di uso comune in grado di trasformarsi nelle mani di questo compositore un vero e proprio strumento musicale), a rendergli il giusto e doveroso omaggio. Perché Enzo Del Re è una di quelle persone che nel corso della sua vita ha condotto la sua rivoluzione silenziosa (per modo di dire), che l’ha portato a viaggiare l’Italia e non solo, collaborando con personalità del calibro di Nanni Ricordi, Dario Fo e Vinicio Capossela, che nel 2010 l’ha fatto salire sul palco del Primo Maggio, di fronte ad una folla che, nonostante fosse composta per la maggior parte da persone che non lo conoscevano, è stato in grado di conquistare in poco più di una manciata di secondi.


L’opera diretta da Angelo Amoroso D’Aragona cerca di celebrare la figura di un uomo che nella sua vita ha vissuto moltissime avventure e che è stato in grado di dimostrare che è possibile “stare al mondo senza doversi arrendere al mondo”. Nel farlo si divide tra le parole dello stesso Enzo e le testimonianze di chi l’ha conosciuto molto bene e di chi, in più di un’occasione, ha diviso la strada con lui.

Il ritratto che ne emerge è quello di una figura che sarebbe troppo riduttivo definire artista. Una personalità forte, che è stata in grado di “piegare il mondo a sé e di non farsi piegare da esso”.

Vi ricordiamo che Io e la mia sedia sarà in programmazione al Cinema Aquila di Roma. Per maggiori informazioni potete visitare il sito www.cinemaaquila.com.»

SI PUÒ ANCHE LASCIAR DETTO CHE LO SI VUOLE VEDERE. FATELO QUI!

venerdì 3 febbraio 2012

LUNEDÌ 6 E MARTEDÌ 7 FEBBRAIO AL NUOVO CINEMA AQUILA DI ROMA

SECONDO APPUNTAMENTO DI CONTEST - IL DOCUMENTARIO IN SALA 
CON ‘IO E LA MIA SEDIA’ ED ENZO DEL RE

Dopo la bella serata di apertura di Lunedi 30 gennaio, Contest inizia il suo naturale percorso con il secondo degli appuntamenti previsti, Lunedi 6 e Martedi 7 Febbraio in sala 3 al Nuovo Cinema Aquila. In apertura, proiezione di due inserti tratti da I Diari del Novecento: il primo interpretato da Flavio Nicolini (Diari del Deserto Rosso), il racconto di un’ avventura della mente: il grande Cinema di Michelangelo Antonioni; il secondo: Judith Malina (Paradise now! Diario 1968), il programma rivoluzionario di alcuni attori decisi a trasformare il teatro trasformando il pubblico. A seguire la proiezione del documentario di Angelo Amoroso d’Aragona, IO E LA MIA SEDIA.

Realizzare un documentario su Enzo del Re è una iniziativa coraggiosa. Enzo è l’esempio di come si possa stare al mondo senza doversi arrendere al mondo. Enzo del Re è stato uno straordinario musicista, icona positiva della scena musicale pugliese degli anni 50/60′, capace di non aver mai accettato compromessi di nessun genere e che ha preso parte alla più famosa e importante stagione di teatro politico italiano, quella di Dario Fo e Nuova Scena, ma continuando a calpestare con Antonio Infantino anche i palcoscenici milanesi di Enzo Jannacci e quelli romani del Folk Studio e negli ultimi anni partecipando ad alcuni concerti invitato dai Tetes de Bois e Vinicio Capossela. Enzo è morto il 6 giugno 2011… e non scordatevi che il giorno del suo funerale, esattamente al momento del corteo funebre, si è scatenata una delle grandini più violente che la Puglia abbia mai conosciuto!!

Programma Sala 3:
ore 20.30
Flavio Nicolini (Diario del Deserto Rosso)
Judith Malina (Paradise Now! Diario 1968)
ore 21.00
Io e la mia sedia di Angelo Amoroso d’Aragona
Italia, 2010, 63 e 30′

Contest 2012 è prodotto da Lab Novecento e Nuovo Cinema Aquila
Con il sostegno di: Assessorato alle Politiche Culturali della Provincia di Roma.
Con il patrocinio di DOC.IT , AAMOD
Con la collaborazione di: Vostok Film, Filmoteca Regionale Siciliana, Minerva Pictures, Raorovideo, Felix Film, Rai Trade
Foto: “Leaf” di Sara Pettinella
Design: Valerio Bindi SCIATTOproduzie
Direzione artistica: Massimo Vattani